Vigneti Grande Champagne

Cognac: distillato DiVino

Posted on

Cognac, una regione e un distillato conosciuto in tutto il mondo

Il Cognac oltre ad essere una regione  francese che si trova a nord dei vigneti di Bordeaux è anche un distillato di vino, tra i più costosi da produrre (i suoi costi sono circa cinque volte quelli del Grain Scotch Whisky per fare un esempio).

I Crus dove si produce il Cognac sono sei e in ordine di importanza sono:

  1. Grande Champagne
  2. Petite Champagne
  3. Borderies
  4. Fins Bois
  5. Bons bois
  6. Bois Ordinaire

Il terroir qui ha molta importanza, infatti più chalk è presente e più buono ed elegante sarà il Cognac prodotto in quella regione. Quindi le prime due aree chiamate Champagne producono i migliori Cognac, ma non è escluso di trovarne di ottimi anche nelle altre zone. Inoltre non è detto che avere i vigneti nell’area chiamata Grande Champagne automaticamente significhi avere ottimo Cognac, molto dipende anche da chi effettivamente lo produce.

Ma vediamo quali sono le uve utilizzate per fare il vino che verrà poi distillato e venduto come Cognac.

Ugni Blanc

Ugni Blanc

L’uva più utilizzata è senz’altro l’Ugni Blanc , chiamata Trebbiano in Italia. Quello che fa di questa uva la materia prima preferita dai produttori di Cognac è il fatto che produce un vino con un’alta acidità e bassa gradazione alcolica. Come vino sarebbe piuttosto insignificante, ma come base per i Cognac è ottimo! E’ lo stesso principio che adottano i produttori di Sherry in Spagna quando usano l’uva chiamata Palomino.

L’Ugni Blanc ha rimpiazzato quasi completamente l’uso dell’altra uva utilizzata per fare questo distillato, Folle Blanche,  più incline alla Grey Rot perchè i suoi grappoli sono compatti .

 

Colombard, ormai presente solo per il 5%  , è un altro tipo di uva  utilizzata per fare il Cognac, ma non è tanto apprezzata dai produttori perchè produce vini con più di 10° di gradazione alcolica e come abbiamo detto prima il vino ideale deve essere con alta acidità e poco alcol!

 

 

 

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *