social-wine1

L’Italia del vino raccontata da Twitter

Posted on

Il vino più presente su Twitter è il Chianti

Una ricerca della società Almawave su Twitter ci dice che il vino con più tweet è il Chianti, seguito dal Montepulciano e dal Barbera. Per buona pace dei vini più nobili e gloriosi.

“Mi mangiai il suo fegato con un bel piatto di fave e un buon Chianti…”. Chi non ricorda la citazione più famosa di Hannibal Lechter nel film “Il silenzio degl’innocenti”? Pochi sanno che nel libro da cui è stato tratto il film, Lechter beve Amarone ma che fu sostituito nel film con il più conosciuto Chianti.

E in effetti sembra proprio che il vino più conosciuto, almeno su Twitter, nel mondo dei 140 caratteri, sia il buon vecchio Chianti che stacca con il 18% il Montepulciano al 9% e il Barbera all’8%. Seguiti a ruota dal Prosecco al 5% e le superstar Brunello e Barolo rispettivamente a più miseri 4 e 3%. Amarone, invece, non piazzato!

A scoprirlo è un ricerca della società Almawave che ha analizzato per un mese circa 7,8 milioni di tweet in 6 lingue aventi per tema l’Italia e la politica, lo sport il turismo e anche i nostri prodotti enogastronomici.

Vini che troviamo normalmente al supermercato, per buona pace dei brand ambassador e dei direttori marketing delle corazzate vinicole toscane, piemontesi e venete.

Un risultato che dovrebbe far riflettere sulla necessità di cambiare linguaggio e forma di comunicazione per creare un nuovo tipo d’interesse intorno ai nostri vini e alle loro storie.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *